I Giganti di Monte Prama

postato in: Attrattive | 0

I Giganti di monte Prama sono sculture nuragiche scolpite a tutto tondo. Spezzate in numerosi frammenti, sono state trovate casualmente in un campo nel marzo del 1974 in località Mont’e Prama, a Cabras, nella Sardegna centro-occidentale. Le statue sono scolpite in pietra calcarea locale e la loro altezza varia tra i 2 e i 2,5 metri.

Dopo quattro campagne di scavo effettuate fra il 1975 e il 1979, i circa cinquemila frammenti rinvenuti – tra i quali quindici teste e ventidue busti – vennero custoditi nei magazzini del Museo archeologico nazionale di Cagliari per trent’anni, mentre alcune tra le parti più importanti vennero esposte nello stesso museo. Insieme a statue e modelli di nuraghe furono ritrovati anche diversi betili del tipo “oragiana”, in genere pertinenti a una o più tombe dei giganti.


CABRAS – La seconda vita dei giganti di Mont’ePrama è iniziata. Dopo quarant’anni di attesa le statue sono tornate a Cabras e dalle sale del museo “Giovanni Marongiu” raccontano ai visitatori l’affascinante storia del Sinis e della Sardegna nuragica. Del percorso espositivo, inaugurato questo pomeriggio, fanno parte sei delle statue ritrovate nel 1974 nel sito di Mont’ePrama e quattro modelli di nuraghe rinvenuti dagli archeologi nella stessa zona. All’interno del museo di Cabras, che per l’occasione si presenta con una nuova veste, è possibile ripercorrere tutte le fasi che hanno preceduto l’esposizione: la scoperta dei giganti in campagna, gli scavi, il recupero, le fasi di studio, il restauro e l’allestimento della mostra. Grazie alle più moderne tecnologie i visitatori potranno seguire un viaggio virtuale che consentirà di scoprire anche le statue e i modelli di nuraghe che saranno esposti al museo archeologico di Cagliari. Grazie a un totem touch-screen realizzato dall’equipe del CRS4 di Pulasi potrà vedere nei minimi dettagli ciascuna delle sculture che hanno consentito agli studiosi di riscrivere pagine importanti della storia della Sardegna.